Lemcotti – Come tutto è cominciato

Lem carni è diventata famosa nel 2008 con il progetto Wagyulem (la pregiatissima carne dei bovini giapponesi Kobe) messo a punto assieme alla facoltà di Veterinaria di Bologna.
Ma la bolognese Lem Carni non è solo un laboratorio di eccellenza nella filiera bovina italiana; perché l’ex macelleria di Toscanella di Dozza, rilevata nel ’71 dal garzone allora diciassettenne Giambattista Lama, è oggi un’azienda da 30 milioni di fatturato e 60 dipendenti che distribuisce carni fresche di alta qualità (Chianina, Romagnola, Marchigiana, Bufalo) e salumi di bovino a 4mila ristoranti in Italia e a grossisti esteri tra Svizzera, Germania, Belgio e Costa Azzurra.
Ora si prepara al salto nella gastronomia pronta e nella ristorazione.

L’azienda mi ha scelto per studiare il posizionamento di comunicazione, il nome della linea e la grafica del logo.
Ho scelto un carattere dalle linee morbide per evocare l’artigianalità e la familiarità del brand.

Nasce la linea Lemcotti.